Servizio di Ginecologia: guarda il video delle ecografie in 3D e 4D.


Prenota subito una Visita Clicca Qui !!

 

La Ginecologia è una branca della Medicina che si occupa della fisiologia e  della patologia inerenti l’apparato genitale femminile.

I nostri Specialisti sono:

  • Dott.  Spina Alfio
  • Dott.ssa Lomagno Mariella Egle

Esame PrenatalSafe

ginecologia prenatalsafeL’Esame PrenatalSafe è un esame innovativo, semplice e sicuro per la diagnosi prenatale NON INVASIVA della Sindrome di Down e delle principali anomalie cromosomiche fetali.

Mediante analisi del DNA fetale circolante nel sangue materno.

Il PrenatalSafe® differisce dai test di screening del primo e secondo trimestre poiché si tratta di un’analisi diretta del DNA libero fetale.

Ecografia Transvaginale :

Che cos’è?

L’ecografia transvaginale o più semplicemente TVS (Trans-Vaginal Sonography) è una tecnica diagnostica per immagini, che indaga morfologia e stato di salute degli organi genitali interni femminili.

ecografia-transvaginale.gif.jpg

Grazie a questo esame è possibile studiare utero, ovaie ed annessi, e controllare la gravidanza nel primo trimestre o nel quadro di tecniche di riproduzione assistita.

L’ecografia transvaginale si basa sull’emissione di onde sonore ad elevata frequenza (non udibili dall’orecchio umano) da parte di una sonda inserita nella vagina.

Come in qualsiasi altro esame ecografico, le onde sonore emesse dall’apparecchio vengono in parte riflesse dai tessuti che incontrano, in relazione alla loro densità (fenomeno dell’eco).

Le onde sonore così riflesse vengono captate dalla stessa sonda che le ha generate, ed elaborate da un calcolatore informatico per ricostruire immagini in tempo reale delle regioni anatomiche studiate.

Quando e perché si esegue?

L’ecografia transvaginale viene tipicamente impiegata in donne con problemi di infertilità, sanguinamenti anomali (che possono essere legati a cause benigne piuttosto comuni, come fibromi o polipi), dolori pelvici di origine ignota, amenorrea, malformazioni congenite di utero ed ovaie, e dinanzi al sospetto di tumori od infezioni.

Può essere inoltre impiegata al termine del primo mese di gravidanza (ecografia ostetrica) per la capacità di evidenziare più precocemente le immagini dell’embrione e degli annessi, con definizione e qualità d’immagini nettamente superiori all’ecografia transaddominale.

In fasi successive della gravidanza, l’ecografia transvaginale può essere impiegata qualora si renda necessaria una miglior visualizzazione delle strutture adiacenti alla cervice.

Ricordiamo che l’ecografia transvaginale non comporta l’impiego di radiazioni ionizzanti (come quelle utilizzate durante le radiografie) e non comporta quindi alcun pericolo per la madre ed il feto.

 

 

La Ginecologia

Si avvale della  figura professionale del medico specializzato in ginecologia e ostetricia.

Il quale si occupa della donna in tutte le fasce d’età, dalla pubertà, nel periodo  fertile, in gravidanza, in menopausa e nella postmenopausa.

La ginecologia si  occupa anche delle problematiche legate alla sfera riproduttiva ed alle  tecniche di fecondazione assistita.

 

Visita Ginecologica

La visita ginecologica è una valutazione dell’apparato genitale:

vagina,  utero e ovaie

Tale visita va fatta precedere dall’acquisizione di tutti gli  elementi clinici della paziente con un’anamnesi

Generale : pregresse malattie,  interventi chirurgici

Specifiche Ginecologiche : età del menarca,  caratteristiche del ciclo mestruale, eventuali alterazioni

Ostetrica  : pregresse gravidanze o aborti.

Questo consente l’instaurarsi di una  conoscenza e di una relazione più approfondita tra medico e paziente.

L’anamnesi è particolarmente importante nei primi incontri.

Soprattutto se si tratta di  ragazze molto giovani perché consente, rispettando i tempi di ciascuna  ragazza, che la visita venga vissuta in modo più sereno nello stesso tempo, permette al Medico di  raccogliere informazioni importanti.

In cosa consiste la visita ginecologica

Tale visita, in condizioni di normalità,  non è dolorosa e viene svolta con la paziente stesa sul lettino e le gambe  appoggiate ad appositi poggiagambe:

esaminati i genitali esterni, si  introducono una o due dita di una mano in vagina e con l’altra mano  appoggiata sulla zona sovrapubica e le regioni a lato, si valutano l’utero e  le ovaie.

si completa l’esame introducendo in vagina uno speculum che  permette, con l’aiuto di una lampada di vedere il collo dell’utero e le  pareti vaginali.

Se non ricorrono situazioni particolari, la visita o meglio  ancora, l’esplorazione vaginale si esegue nelle donne che hanno già avuto  rapporti sessuali.

In caso di necessità nelle donne vergini questa parte  della visita viene sostituita da un esame non invasivo chiamato ecografia  transaddominale.

Funziona sul principio degli ecoscandagli delle navi: una  sonda appoggiata sulla regione sovrapubica invia delle onde di una  particolare lunghezza d’onda (ultrasuoni) all’interno del corpo e il modo in  cui queste vengono riflesse “disegna” l’immagine degli organi  visualizzandoli su un monitor.

La visita ginecologica completata  dall’Ecografia pelvica permette di individuare eventuali patologie (fibromi  uterini, polipi endometriali, endometriosi, cisti ovariche, etc.).